Testamento internazionale

Testamento internazionale

Il testamento internazionale rappresenta uno strumento cruciale per la pianificazione della successione patrimoniale che attraversa le frontiere nazionali.

In un mondo sempre più interconnesso, in cui individui e famiglie possiedono attività e patrimoni in diverse giurisdizioni, la necessità di redigere un testamento che sia valido e riconosciuto in contesti internazionali è diventata una priorità assoluta.

Tuttavia, la complessità e le sfide legali associate al testamento internazionale richiedono un approccio altamente specializzato e una conoscenza approfondita delle leggi internazionali.

In questo contesto, l’Italia si trova di fronte a un panorama giuridico complesso, in cui il testamento internazionale si distingue per una serie di peculiarità rispetto al testamento nazionale.

Le differenze sostanziali tra le leggi e le procedure che regolano il testamento internazionale e quelle del testamento italiano creano un terreno intricato che richiede una comprensione dettagliata e specializzata.

Questo articolo mira a esplorare la complessità del testamento internazionale, mettendo in evidenza le differenze sostanziali con il testamento italiano.

Esamineremo attentamente le varie sfaccettature del testamento internazionale, includendo le questioni di validità, le forme di esecuzione, i requisiti formali e sostanziali, nonché le procedure di accettazione in diverse giurisdizioni.

Attraverso un’analisi dettagliata delle divergenze legali e delle sfide pratiche, questo articolo si propone di fornire una guida informativa e completa per coloro che desiderano comprendere le differenze chiave e le complessità associate al testamento internazionale rispetto al contesto italiano.

Offrirà una panoramica approfondita dei risvolti legali, consentendo una migliore comprensione delle implicazioni e delle strategie necessarie per una pianificazione ereditaria internazionale efficace e conforme alla legge.

Vuoi una consulenza sul testamento internazionale?

Che cos’è il testamento?

Il testamento, nell’ambito legale, costituisce un atto giuridico attraverso il quale una persona, denominata testatore, esprime le proprie disposizioni in merito alla destinazione dei propri beni e del proprio patrimonio al momento del decesso.

Questo documento, redatto in conformità con le normative specifiche in vigore nella giurisdizione di appartenenza, può contenere istruzioni dettagliate riguardanti la distribuzione dei beni, l’individuazione degli eredi, la nomina di esecutori testamentari e, eventualmente, indicazioni sulle modalità di gestione dei beni ereditati.

Il testamento può essere redatto in diversi formati legali, come testamento olografo (scritto di pugno dal testatore), testamento pubblico (redatto davanti a un notaio) o altre forme specificate dalla legge locale.

Il testamento, in quanto atto giuridico, deve rispettare le disposizioni previste dalla legge affinché sia ritenuto valido e vincolante, offrendo al testatore la possibilità di determinare il destino del proprio patrimonio in conformità con le proprie volontà e secondo le normative vigenti.

Leggi in proposito anche Testamento, Come fare testamento: cosa devi sapere, Quanto costa fare testamento: la guida completa

Testamento internazionale: che cos’è

Il testamento internazionale è un tipo di testamento introdotto dalla Convenzione di Washington del 26 ottobre 1973, ratificata, in Italia, dalla Legge n. 387/1990.

Si tratta, come per quello italiano, di un documento con il quale il testatore dispone del proprio patrimonio per il periodo successivo alla propria morte.

Quanto alla tipologia, esso assomiglia al nostro testamento segreto: infatti, la Convenzione prevede che il testamento sia redatto dal testatore e poi consegnato al Notaio, il quale, in presenza di due testimoni, riceve dal testatore la dichiarazione che ciò che ha consegnato è il suo testamento ed è a conoscenza delle disposizioni ivi contenute.

La Convenzione si preoccupa anche di disciplinare una serie di regole di validità del testamento, che andiamo ad analizzare nel dettaglio.

Leggi anche in proposito Testamento Segreto, Testamento segreto: la pubblicazione, Testamento segreto: la pubblicazione

Testamento internazionale: chi può farlo?

Il testamento internazionale può essere scritto sia da un cittadino straniero residente in Italia, che da un cittadino italiano residente all’estero (in questo caso bisogna verificare se il paese estero abbia ratificato la Convenzione e, nel caso, le formalità previste).

Testamento internazionale: la forma

Le regole formali da seguire affinchè il testamento internazionale sia valido sono previste dagli articoli da 3 a 7 della Convenzione.

Quanto alla lingua, il testamento internazionale può essere scritto in una qualunque.

La data deve essere essere apposta alla fine del testamento ed è quella nella quale in Notaio firma il documento.

Quanto alla conservazione, la decisione è rimessa al volere del testatore: infatti, lo stesso può scegliere se il testamento sia conservato dal Notaio o da altra persona.

Nel primo caso, come detto, al Notaio viene consegnato la scheda testamentaria e la annotazione da lui redatta; nel secondo caso, al Notaio viene lasciata solo l’annotazione.

In entrambi i casi deve essere iscritto nel Registro generale dei testamenti.

Per quanto riguarda la pubblicazione, si applica l’art. 620 del codice civile.

Vuoi scrivere un testamento internazionale?

Testamento internazionale: gli stati aderenti

Abbiamo visto l’importanza, per la validità e l’efficacia del testamento internazionale , che lo Stato abbia ratificato la Convenzione che lo disciplina.

Non tutti gli Stati, però, hanno aderito alla Convenzione di Washington del 26 ottobre 1973 ma solo i seguenti l’hanno firmata:

  • Belgio
  • Bosnia-Herzegovina
  • Canada
  • Croazia
  • Cipro
  • Ecuador
  • Francia
  • Gran Bretagna (ancora non ratificata)
  • Iran (ancora non entrata in vigore)
  • Italia (entrata in vigore nel 1990)
  • Libia
  • Niger
  • Portogallo
  • Russia (ancora non ratificata)
  • Sierra Leone (ancora non ratificata)
  • Slovenia
  • Stati Uniti d’America (ancora non ratificata)

Testamento internazionale in Europa

Per quanto riguarda l’Unione Europea, il Regolamento UE n. 650/2012, entrato in vigore il 5 luglio 2012, ha disciplinato la successione internazionale nell’ambito dei Paesi aderenti.

Per quanto riguarda il testamento, il Regolamento prevede che tramite questo atto il testatore possa scegliere la legge applicabile alla sua successione.

Tale previsione risulta di vitale importanza, in quanto permette di evitare conflitti tra Stati qualora ci siano dubbi su quale sia la legge applicabile alla successione.

Per quanto riguarda la validità del testamento, il regolamento prevede che la stessa vada valutata in base alla legge scelta dal testatore.

In mancanza di tale scelta, invece, occorrerà prima individuare la legge applicabile alla successione e poi valutare la validità del testamento alla luce della stessa.

Leggi in proposito anche Successione internazionale, Successione internazionale extra UE

Testamento internazionale ed efficacia in Italia

Secondo il Regolamento UE il testamento redatto in uno Stato membro è valido tanto nello Stato in cui è redatto quanto in quello in cui è presentato.

La Legge Notarile italiana, all’articolo 106, prevede infatti che gli atti redatti all’estero, per essere efficaci in Italia, debbano essere legalizzati mediante il deposito presso l’archivio notarile distrettuale.

La norma, in particolare, afferma al primo comma, numero 4, che devono essere depositati “gli originali e le copie degli atti pubblici rogati e delle scritture private autenticate in Stato estero prima di farne uso nel territorio dello Stato italiano, sempre che non siano già depositati presso un notaio esercente in Italia”.

Il deposito del testamento in Italia, dunque, consiste nel passaggio pratico per consentire al documento di esplicare la propria efficacia nel nostro Paese.

Leggi in proposito anche Pubblicazione testamento: come si fa?, Esecutore testamentario: tutto quello che devi sapere

Conclusioni

La redazione di un testamento internazionale è un passo cruciale nella pianificazione patrimoniale che attraversa le frontiere nazionali.

Tuttavia, la complessità e le sfide legali associate al testamento internazionale richiedono una competenza legale specifica e approfondita.

Le differenze sostanziali tra le normative ereditarie di diverse giurisdizioni, i requisiti formali e sostanziali del testamento internazionale e le variazioni nelle procedure di accettazione in diverse nazioni costituiscono solo alcune delle difficoltà che possono emergere in questo contesto.

È imperativo rivolgersi ad avvocati esperti in successioni internazionali per garantire che la redazione del testamento sia valida, efficace e in linea con le proprie intenzioni.

Questi professionisti legali hanno una conoscenza approfondita delle leggi nazionali e internazionali, offrendo consulenza specializzata per individuare la strategia migliore in base alle specifiche esigenze del cliente e garantire la conformità alle disposizioni legali.

La consulenza di avvocati esperti in testamenti internazionali non solo riduce il rischio di errori formali o sostanziali, ma assicura anche una pianificazione successoria efficace e conforme alla volontà del testatore.

Affidarsi a professionisti competenti in questo campo non solo semplifica il processo di redazione del testamento, ma fornisce anche tranquillità e sicurezza a coloro che desiderano pianificare il destino del proprio patrimonio oltre i confini nazionali.

In definitiva, la consulenza di esperti in successioni internazionali rappresenta un passo fondamentale per garantire una corretta pianificazione patrimoniale che attraversa le diverse giurisdizioni internazionali.

Avv. Eugenio Martusciello

Vuoi redigere un testamento che abbia validità internazionale?